Sanificazione centro estetico

Sanificazione centro estetico

Cosa si intende con microblading e qual è il rischio di contagio Corona Virus? È molto semplice, con il termine di microblading si intende un trattamento estetico che compie minuscole incisioni da riempire con inchiostro e pigmenti naturali, soprattutto nella zona delle sopracciglia.
Si tratta di un intervento non invasivo che permette di rifinire l’arcata sopraccigliare rovinata da troppe depilazioni, da malattie o semplicemente dall’invecchiamento. Inoltre, con il microblading si possono riempire i contorni delle labbra e l’attaccatura delle ciglia, ottenendo una sorta di make up semi-permanente con pigmenti organici e naturali.
Come si può evincere, un intervento estetico di questo tipo comporta un contatto diretto con il corpo umano, quindi il professionista deve proteggersi con mascherina, visiera e guanti monouso.
Andiamo a scoprire quali sono tutte le strategie di sanificazione e perché sono così importanti, valutando quelle più Hi tech e innovative.

L'importanza della sanificazione centro estetico

igienizzazione

Come prima cosa è opportuno provvedere alla sanificazione dei locali del centro estetico, tramite tutte le procedure tra cui detersione, igienizzazione, disinfezione e disinfestazione.
È necessario pulire e igienizzare le superfici e i pavimenti con detergenti a base alcolica, sgrassare e rendere la location pronta a ricevere gli ulteriori trattamenti finali disinfettanti con prodotti a presidio

medico chirurgico. Per una disinfezione profonda si utilizzano anche le lampade ad UV che abbattono la flora microbica, sia nell’acqua che nell’aria.
Inoltre, è importante disinfestare da animali e insetti patogeni e portatori di malattie, prima di procedere ad un trattamento di sanificazione ad ozono.

Perché utilizzare l'ozono e in cosa consiste?

In questo modo si eliminano intere flore microbiche di virus, batteri, germi, ma anche spore, funghi e lieviti patogeni, in un modo del tutto naturale e non tossico.
Sì, perché l’ozono è naturale e non aggressivo nei soggetti che soffrono di asma e problemi respiratori di vario tipo.

Perossido di idrogeno per la disinfezione e sanificazione centro estetico

In un centro estetico in cui si opera il microblading bisogna sanificare i lettini, le poltroncine e tutti gli strumenti del mestiere che vengono in contatto con il cliente, come in una sala chirurgica o nel laboratorio di un tatuatore professionista: tutto deve essere disinfettato e sterilizzato ad alte temperature tramite l’autoclave o altri metodi, perché vengono utilizzati aghi che vanno a contatto con l’epidermide e con il sangue.
Anche il perossido di idrogeno è un gas naturale super efficace, ancora più efficace dell’ozono e utilizzato negli ospedali e nelle strutture mediche: studi recenti hanno accertato come sia più delicato rispetto all’ozono, e come si diffonda ancora più velocemente. È l’ideale per le grandi superfici e i volumi considerevoli.

Sicurezza e pulizia come prima regola

Fotografia di stock - Fotografia

In un centro estetico di microblading deve esserci pulizia al primo posto: è necessario detergere ogni giorno e mantenere un ambiente pulito e ordinato.
Per questo motivo è consigliato installare impianti di aerazione e purificazione dell’aria, anche dell’acqua se necessario, per lavare la biancheria e fare un bucato igienizzato e sostenibile, senza detersivi.
Sterilizzare gli aghi e gli strumenti che iniettano i 

Perché non installare anche un tunnel sanificante?

In questo periodo così difficile, l’esigenza di un commerciante e di un libero professionista è di tenere aperte le proprie attività, compresi i centri estetici e i saloni di bellezza.
Installare un tunnel sanificante all’ingresso, in sinergia con il controllo della temperatura corporea, può essere un surplus di sicurezza per disinfettare in profondità gli indumenti dei clienti e coadiuvare il trattamento di sanificazione.